.
Annunci online

mottolacivica il blog mottolese dell'ecologia urbana e sociale
Da "Nasce ... un albero!"
post pubblicato in spazi pubblici, il 13 novembre 2014

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. CEA alberi verde pubblico pineta

permalink | inviato da ecolo il 13/11/2014 alle 17:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Così non può continuare!
post pubblicato in spazi pubblici, il 20 agosto 2014

Cogliendo lo spunto dalle numerose segnalazioni di alcuni/e iscritti/e al profilo fb de "La Mottola che vorremmo", MottolaCivica ha proposto più volte nella suddetta sede la segnalazione scritta e protocollata delle problematiche che risultano essere per lo più sollevate sulla piazza virtuale come sfogo fine a se stesso e/o denigratorio; a questo, qualche giorno, ha fatto seguito la proposta di recarsi personalmente e in gruppo al Comando dei Vigili Urbani per dare un seguito più concreto alle proteste e alle continue e costanti lamentele sui vari disservizi, che pure sono condivisi e condivisibili.

Saremmo dovuti/e essere qualcuno/a di più (sebbene, in verità, l'incontro è stato fissato tramite i commenti a un post e non in un post apposito), ma ieri, martedì 19 agosto, alle 11.10 abbiamo incontrato prima il vigile Mino Tramonte (sempre disponibile e anche addetto stampa del Comune a titolo gratuito), al quale (avendolo incontrato per strada) abbiamo chiesto si aggiungesse anche l'Assessore Gianni Bello; mentre parlavamo si sono avvicinati il presidente del Consiglio comunale Carlo De Fiori e il vicesindaco Franco Gentile. Dopo un'ora eravamo anche dal Sindaco che, in verità, pensava fossimo lì per l'annosa questione della raccolta dei rifiuti (sulla quale, comunque, ci ha fornito ulteriori ragguagli, anche a seguito dell'incendio che proprio l'altro ieri ha bruciato alcuni mezzi di "Avvenire").

I punti che abbiamo voluto sottoporre all'attenzione erano, però, i seguenti:

1) viabilità e parcheggi selvaggi, assenza di controlli e multe, quindi scarsissima presenza dei vigili urbani;

2) situazioni precarie e pericolose nella villa comunale e nelle Terrazze di Mezzogiorno;

3) affissione arbitraria di manifesti e manifestini (matrimoni);

4) videosorveglianza.

Non è facile riassumere due ore di conversazione (sono in arrivo 29 videocamere da fissare nei punti più critici del paese, si sta provvedendo a inoltrare multe agli sposi protagonisti, loro malgrado, delle affissioni sui cartelli stradali, coinvolgimento sistematico e coordinato di Associazioni e singoli per controlli e simili, ...), ma oltre alla protocollazione per iscritto di tali segnalazioni, attendiamo di essere ricontattati/e per un altro incontro a più voci (il Comandante dei Vigili, per esempio, era in ferie) che dia un seguito più concreto al nostro confronto.

In conclusione, le criticità sembrano essere non tantissime ma di peso: mancanza di fondi adeguati, lentezza dei percorsi burocratici, mancanza di comunicazione interna/esterna sufficiente e efficace, perdita di autorevolezza e ... incompetenza/incapacità/irresponsabilità/scarsa motivazione da parte di parte del personale amministrativo: com'è possibile, per esempio, andare in un Ufficio del Municipio e trovare tutti/e in ferie?

Ci aggiorniamo!

 

 Virginia Mariani

Brucia ancora e di più!
post pubblicato in spazi pubblici, il 27 giugno 2013
            Foto
 
Tre grandissimi incendi boschivi
in appena sei giorni estivi.

Tre grandissimi incendi distruttivi
che, però, non hanno bruciato i vivi
intenti di essere propositivi
... e nell'impegno sempre attivi ...

Ardiamo dal cocente desiderio
di rinascere dalle ceneri sul serio!
 
Virginia
 
 
 

Comunicato congiunto di Libera, CEA e Agesci in ordine agli incendi che hanno colpito il territorio del Comune di Mottola

ADESSO BASTA!!!

Tre devastanti incendi nel giro di pochissimi giorni e il verde di Mottola è stato decimato per opera di qualche sciagurato interesse o per il gusto di qualcuno che vuole distruggere la nostra collina. Dopo gli ottanta ettari andati in fumo la scorsa settimana nella Gravina di Petruscio, simbolo del Parco delle Gravine, e i cento ettari carbonizzati lunedì 24 giugno nel bosco di San Basilio, nella tarda serata di martedì 25 giugno a finire sotto la furia delle fiamme è stata la Pineta Spallone, nel pieno centro cittadino. In quest'ultima solo qualche settimana prima le associazioni di volontariato avevano piantato oltre 150 nuove piantine, una per ogni nuova nascita registrata all'anagrafe mottolese nell'anno 2012.

Diciamo basta a chi vuol distruggere il verde della collina mottolese!

Diciamo basta alla campagna di odio e rancore attuata da chi vuol ottenere solo consensi di tipo politico!

Diciamo basta alle promesse fatte dalla politica che poi restano sulla carta! 

Vogliamo che l'ambiente di Mottola rivesta un ruolo di primaria importanza nell'attività amministrativa del nostro comune. Più investimenti e maggiori voci di bilancio a supporto di questo settore. Chiediamo un inasprimento dei controlli da parte delle forze dell'ordine presenti sul territorio e sanzioni per chi sporca o deturpa il nostro ambiente.  Chiediamo che il Parco delle Gravine sia sempre più verde e non si annerisca come in questi giorni. Chiediamo al Sindaco Luigi Pinto interventi urgenti e incisivi per fermare la devastazione che attanaglia il nostro territorio. Il verde mottolese è una risorsa importante per le nuove generazioni, può favorire il turismo e le attività economiche ad esso connesse. Va quindi tutelato con ogni forma e forza possibile.

 

Centro di Educazione Ambientale – Mottola

Gruppo Scout Agesci – Mottola

Libera – Presidio di Mottola ‘A. Montinaro


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. comunicato incendi

permalink | inviato da ecolo il 27/6/2013 alle 18:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
5 maggio 2013: "Nasce... un albero!"
post pubblicato in spazi pubblici, il 19 maggio 2013

         E' stato più partecipato, più emozionante, più coinvolgente, più... naturale di quanto avessimo potuto immaginare! Un ringraziamento particolare, oltre che all'ARIF, va al signor Giovanni Rogante e agli Uffici Amministrativi del Comune per aver collaborato nel contattare le famiglie dei/lle 114 bimbi/e nati/e nel 2012.

Ecolo

 

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. neonati pineta

permalink | inviato da ecolo il 19/5/2013 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'inchiesta: padroni cani e bisognini. 2
post pubblicato in spazi pubblici, il 4 febbraio 2013

            Sono già trascorsi 11 mesi dalla prima inchiesta: non sono riuscita a fermare altri padroni a spasso con i loro cani senza l'ombra di una bustina o un raccogli bisognino qualsiasi.

Qualche giorno fa, però, avvisto un bella padroncina con un bustina in mano pronta a buttare nel cassonetto (e qui ci vorrebbe quello apposito!) il bisognino appena fatto e la fermo.

"Scusa, fammi buttare..."

"Che proprio di quello voglio parlarti: cosa ne pensi di tutto quello che si trova sui marciapiedi? sono più i cani randagi o...?"

"Sì, ci sono i cani randagi ma molti di più sono quelli accompagnati. In verità io raccolgo, ma i miei figli..."

"E cosa mi proponi di fare quando avvisto chi non raccoglie?"

"Devi chiamare i vigili anche se ... (e vi risparmio il commento dolorosamente spietato)..."

Continuiamo a commentare i comportamenti umani troppo "animali" e poi mi parla della piazzetta verde, quella in fondo a via Acquedotto, che come da cartello è vietato sporcare, ma nella quale non è vietato portarci il cane (se si raccoglie il bisognino): il suo si è ferito perchè le panchine rimosse hanno lasciato degli spuntoni nascosti dall'erba; la piazzetta, tra l'altro, è più che abbandonata, buia e in rovina, per non parlare degli alberi tagliati (sempre per la solita storia della bioturbazione o ...?).

 

Sarebbe, invece, uno spazio verde da recuperare e valorizzare per i bambini, per esempio. E se va bene per i bambini, va bene per tutti.

Questa Amministrazione sta dimostrando di avere a cuore la bellezza del nostro paese e anche la funzionalità e la fruibilità degli spazi pubblici: si spera continui, predisponendo appositi dispositivi di controllo, perchè, si sa, che si capisce davvero di sbagliare se c'è un'ammenda da pagare!

Virginia Mariani

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cani bisognini spazi verdi

permalink | inviato da ecolo il 4/2/2013 alle 17:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Caro Ecolo, ti scrivo...
post pubblicato in spazi pubblici, il 1 novembre 2012
e ti trasmetto, in allegato, una richiesta  di interventi sottoscritta da cittadini  sensibili  all'argomento  ambiente e sport.
Vorrei ricordare che sul  Blog  Mottolasette in data 29 aprile 2011 ore 21:35  scrissi un  commento  relativo al post   MOTTOLACIVICA  INCONTRA L'ASSESSORE ALL'AMBIENTE  con le stesse richieste. (Analogo commento lo  rilasciai su Codesto Blog).
Auguriamoci  immediati interventi. Noi non ci stancheremo di segnalarli.
Cari saluti, VITO.



ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA “ATLETICA DON MILANI” MOTTOLA

Al Sig. Sindaco

All’Assessore all’Ambiente

All’Assessore allo Sport

All’Assessore ai LL.PP. -Urbanistica

MOTTOLA

OGGETTO: Richiesta bonifica zona stadio-Palazzetto dello Sport

Richiesta segnaletica stradale.

Facendo seguito a precedenti richieste verbali in merito all’oggetto, con la presente si sollecita quanto segue:

Ø La pulizia-disinfestazione della zona presso il palazzetto dello Sport-Stadio poiché frequentata da podisti/e e da atleti/e anche di piccola età; si precisa che in data 30/09/2012 le Associazioni POLISPORTIVA-CULTURALE “Don Milani”; ASD “ATLETICA Don Milani”; VENTO DI TERRA ed alcuni cittadini volenterosi , aderendo alla iniziativa “PULIAMO IL MONDO”, hanno contribuito a pulire il sito in questione raccogliendo bottiglie, fazzoletti, profilattici, scatole per pizze, etc.. . .; è superfluo aggiungere che l’indecorosa sporcizia è tornata;

Ø La messa in opera di una sbarra o altro strumento idoneo all’inizio della strada sterrata di competenza comunale; spostamento della sbarra all’inizio della strada per l’isola ecologica, tanto per mantenere uno stato decoroso della zona;

Ø L’installazione del segnale stradale tipo ”PERICOLO GENERICO” con la scritta “RALLENTARE-PODISTI IN ALLENAMENTO”, al fine di evitare gravi incidenti stradali sulle strade intorno allo stadio e per la sicurezza di tutti i podisti.

Si precisa, infine, che analoga richiesta è stata inviata a codesto Comune in data 03/05/2011, prot. n.6621, ad oggi rimasta inevasa.

Tanto per gli ulteriori adempimenti di rispettiva competenza.

Si confida in un positivo riscontro.

Mottola_23/10/2012

Con osservanza

A.S.D. “ATLETICA DON MILANI”

POLISPORTIVA “DON MILANI”

ASS. VENTO DI TERRA

Seguono firme

Recapiti:

Cell.3385318342- Vito Pontassuglia

Cell.3479133445-Gentile Tommaso


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lettera

permalink | inviato da ecolo il 1/11/2012 alle 18:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Caro Ecolo, ti scrivo...
post pubblicato in spazi pubblici, il 24 maggio 2012
  

Caro Ecolo,

sono un cittadino che abita da 7 anni nel nuovo quartiere Sacro Cuore.

Ieri affacciandomi dal mio balcone e guardando il paesaggio mi chiedevo: ma è possibile che in questo quartiere abitato da più di 2000 persone, di cui molte famiglie giovani con bambini, non c’è una piccola area a verde!
Nè tantomeno una panchina dove sedersi e guardare i bimbi giocare! Nè tantomeno un albero! Sì, non volevo crederci: non c’è nemmeno un albero!



Non è vergognoso per la nostra società?

Come possiamo sensibilizzare i nostri figli a rispettare la natura quando dalle nostre case vedono solo terra polverosa e cemento!

Dopo 10 anni di storie fantasiose, quanto tempo dovrà ancora passare per rendere più verde e vivibile questa città?

Con questo, voglio sensibilizzare la nuova Amministrazione affinchè ogni bambino abbia un albero e si possa vederli crescere insieme.

Sicuro di un tuo interessamento all’argomento, ti ringrazio per ciò che fai e ti saluto
affettuosamente.

Michele Ciccone


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. verde pubblico

permalink | inviato da ecolo il 24/5/2012 alle 16:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Un colpo al cuore del Parco delle Gravine
post pubblicato in spazi pubblici, il 30 marzo 2012
   In data 13 marzo sul sito dell'agenzia di stampa GEA PRESS è apparso un articolo riportante una notizia che è rimasta un po' in sordina sul resto della stampa locale. Eppure la notizia non era di quelle che andavano trascurate, vista l'importanza che riveste, sia a livello penale sia a livello paesaggistico. (http://www.geapress.org/brevi/parco-naturale-terra-delle-gravine-14-ettari-di-macchia-mediterranea-rasi-al-suolo/25220).

14 Ettari in zona Tamburello rasi al suolo.

Un'area che negli anni '80 era coperta da una fitta vegetazione di pini, poi interessata da diversi incendi succedutisi negli anni, che l'avevano ridotta a semplice macchia mediterranea, oggi ha radicalmente cambiato la sua morfologia.

Come dimostrano le immagini che seguono, l'opera dell'uomo, attraverso macchinari tecnologicamente avanzati, ha trasformato per sempre, l'aspetto di questo posto che generazioni di mottolesi, e non, hanno utilizzato per decenni come luogo da vivere a contatto con la natura, per una scampagnata, per un picnic o per una semplice passeggiata al fresco dei grossi pini. Nei pressi era stato costruito anche un campo da tennis, per molti anni l'unico in tutto il territorio mottolese, capace di attirare masse di giovani ed appassionati, i quali univano il piacere di una partita con un'atmosfera che solo quella grande pineta era in grado di creare a pochi passi dal centro abitato, spesso raggiungibile a piedi o con le biciclette che un tempo accomunavano gli adolescenti.
















Oggi tutto questo non c'è più e, ironia della sorte, il tutto si verifica proprio quando è stato istituito il Parco delle Gravine, il cui perimetro racchiude in sè anche e soprattutto i territori di cui sopra.

A questo punto viene naturale chiedersi se i detrattori del Parco delle Gravine sono contrari proprio perchè vogliono continuare ad operare simili scempi sul territorio.

Ed ancora, una politica fatta di lassismo e tolleranza assoluta, anche su semplici inosservanze di leggi morali, civiche e giuridiche, può ritenersi responsabile di quello che i nostri occhi mai avrebbero voluto vedere e che solo il silenzio di una stampa locale ne ha impedito una pubblicità negativa per il nostro territorio?


Per MottolaCivica,
Gaetano Leogrande


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. parco delle gravine

permalink | inviato da ecolo il 30/3/2012 alle 18:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
I PINI DI VIALE TURI
post pubblicato in spazi pubblici, il 8 febbraio 2012


Siamo ancora qui a parlare dei Pini di Viale Turi. Si, perchè nonostante le numerose decisioni in merito a questi alberi da parte dell'Amministrazione comunale,"... ora li tagliamo, poi no..., li potiamo..., li sistemiamo, etc...",oggi questi alberi rappresentano un vero e proprio pericolo per la comunità, sia pedoni che automuniti, ma anche residenti nelle abitazioni vicine.


Questa mattina, a seguito di condizioni atmosferiche avverse, neve, vento e pioggia, diversi rami degli alberi in questione sono caduti sul fondo stradale, o/e divenuti pericolanti, tant'è che si è reso necessario interdire il passaggio delle auto su di una corsia di Viale Turi, così come mostrato nelle immagini seguenti.












Nei giorni scorsi abbiamo assistito a diversi lavori di potatura sui pini di Viale Turi, ma stranamente questi hanno riguardato solo alcune piante, 10 in tutto, e solo in due punti del viale, come si può ben notare dalle foto che seguono.






Ad un primo ed incompetente sguardo non si legge una motivazione logica su questa scelta di sistemare solo alcune piante, per cui non rifiuteremmo un chiarimento dai tecnici o politici che hanno preso tali decisioni.

Nel frattempo, ci preme far notare che i Pini in Viale Turi sono estremamente pericolosi, alcuni per le inclinazioni dei fusti, ma tutti gli altri per la folta e trascurata chioma che crea una base ampia per la neve o il vento, eventi questi in grado di far spezzare i rami o, peggio ancora, far cadere l'intera pianta.


Sia ben chiaro, MottolaCivica non sta chiedendo, ne paventa assolutamente l'ipotesi di tagliare le grosse piante che da anni contraddistinguono, rendendolo caratteristico ed unico, Viale Giuseppe Turi, ma risulta necessario ed indispensabile un lavoro di potatura che metta in sicurezza i cittadini e le abitazioni adiacenti, salvaguardando nel contempo la natura e il verde cittadino.


Il sindaco di Mottola, circa due anni fa,  quando nacque per protesta il gruppo Facebook "Salviamo i Pini di Viale Turi" in seguito ad un presunto progetto di abbattimento delle storiche piante di pino, ebbe a dire, tramite un comunicato stampa, che quelle piante sarebbero state solo potate e nessuna abbattuta.

A due anni di distanza solo 10 piante sono state potate e diverse sono state totalmente abbattute, ma la gran parte non ha ricevuto alcun "restauro".


Una chioma sfoltita, specie se privata di tutte le pigne e rami secchi che soggiacciono da anni, avrebbe un duplice effetto. In primis sulla sicurezza della popolazione e poi, un verde curato dà un'immagine al paese ben diversa da quella odierna ove, nonostante i lavori effettuati sul Viale e le nuove piante di leccio messe a dimora, lo stesso viale appare trasandato e sintomatico di un paese che arranca e che non investe a sufficienza nel verde pubblico.


Per MottolaCivica


Gaetano Leogrande
C'è un luogo a Mottola...
post pubblicato in spazi pubblici, il 14 dicembre 2011
ma, forse, non soltanto uno, nel quale spesso di panoramico c'è questo:



E' uno spazio privato di ogni senso civico, nonchè di bellezza...



(le foto sono di ieri 13.12.11)

Ecolo

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. senso civico

permalink | inviato da ecolo il 14/12/2011 alle 16:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto