.
Annunci online

mottolacivica il blog mottolese dell'ecologia urbana e sociale
Acqua minerale tossica
post pubblicato in diario, il 7 luglio 2011
  Lo sapevo già, ma quest'articolo me ne ha dato la conferma. Allora cosa aspettiamo a non comprare più l'acqua in bottiglia a vantaggio della nostra salute e delle nostre tasche?

Virginia Mariani


Per i ricercatori delle istituzioni accademiche di Napoli, Cagliari, Benevento e Bologna accertata una rischiosa presenza in bottiglia di berillio, manganese, alluminio, boro, arsenico e perfino uranio.

acquaL’acqua del rubinetto si può testare e purificare

Nell’acceso dibattito per l’acqua, per gli esperti vince quella del rubinetto. A disposizione dei diffidenti, test, caraffe e depuratori domestici.

75552273 fonteAcqua da bere, i giovani scelgono il rubinetto

Il 70% dei ragazzi tra i 18 e i 35 anni la considera una scelta soddisfacente ed ecologica.

acqua bottiglia desertoAcqua in bottiglia: plastica riscaldata nociva, ma attenti a bufale

Le bottiglie di plastica, se riscaldate, possono rilasciare xenoestrogeni che impattano sul fegato e sul sistema endocrino.

Su un argomento delicato come l’acqua qualunque polemica rischia di divenire velenosa. Più che mai in questo caso, visto che quattro accreditate istituzioni accademiche nazionali puntano il dito sulla sicurezza delle acque minerali in bottiglia distribuite nel nostro Paese e sulle regole che indicano cosa sia legale e cosa non lo sia. I vincoli sono troppo larghi e in qualche caso mancano del tutto parametri cui attenersi.

Niente di più scivoloso che discutere sui limiti imposti per legge alle imprese, che dovrebbero per definizione garantire la salute e la tranquillità dei cittadini. Ma stavolta gli argomenti sembrano tutt’altro che pretestuosi. Secondo gli studiosi alcune pregiate università italiane, tra il 2008 e il 2010 molte marche di acque minerali hanno commercializzato bottiglie con concentrazioni di berillio, manganese, alluminio, boro, arsenico e uranio che, seppure ammesse dalla nostra legislazione, in qualche caso sarebbero state fuori norma rispetto ai parametri internazionali, potendo quindi costituire un pericolo per la salute dei consumatori. La task force trasversale alle singole strutture accademiche che ha acclarato la situazione era composta da studiosi dell’Università Federico II di Napoli, dell’Università degli Studi del Sannio di Benevento, dell’Università di Bologna e di quella Cagliari, che partecipavano a un progetto dell’Unione Europea, in collaborazione con scienziati dell’EuroGeoSurveys Geochemistry Export Group.

Ebbene, sono stati raccolti 186 campioni provenienti da altrettante bottiglie di 158 marche di acque minerali italiane fra le più diffuse, analizzandone il contenuto in termini di sostanze chimiche ritenute nocive. Il primo problema emerso è quello dei limiti di legge: in Italia non solo abbiamo parametri molto più ampi rispetto ai valori guida internazionali, ma in certi casi i limiti di riferimento non sono nemmeno stabiliti. E’ vero che sono ancora oggetto di studio gli effetti sull’uomo di sostanze come berillio, fosforo, molibdeno, tallio e uranio. Ma rimane poco comprensibile, ad esempio, che non esista un veto o un limite indicativo su presenze sospette e certamente pericolose come quella dell’uranio. Andrebbero poi – secondo i ricercatori - decisamente equiparati i limiti, prevedendo gli stessi valori soglia sia per le acque di rubinetto che per le minerali in bottiglia. Attualmente i vincoli sono più stringenti per l’acqua del rubinetto.

In particolare, la ricerca ha registrato come in alcune delle nostre acque minerali ci fosse una presenza di boro che eccedeva quella indicata dall’Oms e valori dell’arsenico, legali in Italia e altrove, ma per i quali converrebbe prevedere un meccanismo di monitoraggio costante e attento.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. acqua minerale acqua del rubinetto

permalink | inviato da ecolo il 7/7/2011 alle 17:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia giugno        agosto