.
Annunci online

mottolacivica il blog mottolese dell'ecologia urbana e sociale
Dall'Amministrazione comunale
post pubblicato in buone notizie, il 9 novembre 2010

La prima buona notizia è che quest'estate l'Amministrazione ha preso in seria considerazione il problema della raccolta dei rifiuti e di certi comportamenti scorretti da parte dei/lle cittadini/e.
Ha perciò emanato un'Ordinanza (n.34). La pubblichiamo confidando nella sua applicazione e perciò stesso diffondendola.

Ecolo

CITTÀ DI MOTTOLA

Provincia di Taranto

ORDINANZA N. 34

DEL 30/07/2010

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IGIENE E AMBIENTE

IL RESPONSABILE

RICHIAMATE le precedenti ordinanze N. 148/98, N.433/2003 e N. 37/2008, concernenti disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti e di divieto di abbandono o deposito, anche temporaneo, dei rifiuti sulla pubblica via, aree pubbliche o private;

CONSIDERATO che sul territorio urbano continua a verificarsi l’abbandono incontrollato dei rifiuti, ivi compreso i rifiuti ingombranti, i cartoni di imballaggio, pneumatici, ecc;

CHE tale abbandono di rifiuti provoca notevoli disfunzioni nell’espletamento del servizio pubblico di igiene urbana, nonché forme di degrado ambientale e inconvenienti di ordine igienico-sanitario;

CHE, ancora, da parte degli organi competenti, si rileva il mancato rispetto delle norme in materia di igiene pubblica, a tutela della salute e della incolumità dei cittadini;

RITENUTO necessario e urgente emanare disposizioni per la salvaguardia dell’ambiente, del territorio e della pubblica incolumità;

VISTO l’art. 192 commi 1,2 e 3 e l’art. 255 commi 1 e 3 del Decreto Legislativo N. 152/2006;

VISTO il nuovo Regolamento di Polizia Urbana approvato con delibera di C.C.

n. 14/2008.

O R D I N A

1) E’ fatto assoluto divieto gettare o depositare, anche temporaneamente i rifiuti sulla pubblica via, accanto ai cassonetti (salvo i casi di cui al punto 5) o nelle aree pubbliche o private;

2) E’ fatto obbligo ai cittadini effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti per tipologie merceologiche(vetro, carta, plastica,metalli,farmaci scaduti, pile esauste,ecc.);

3) E’ fatto obbligo depositare i rifiuti solidi urbani all’interno degli appositi contenitori,solo in idonei sacchetti chiusi, rispettando i seguenti orari:

per l’utenza privata:

Ä Periodo 1° Giugno – 30 settembre dalle ore 18,30 alle ore 24,00

Ä Periodo 1° Ottobre-31 Maggio dalle ore 16,30 alle ore 24,00

per gli esercizi commerciali e pubblici esercizi:

Ä Alla chiusura serale dei negozi e, comunque non prima delle ore 20,00;

4) I commercianti del mercato settimanale e/o rionale, a fine attività, devono

lasciare il suolo libero da ogni genere di rifiuto;

5) I titolari degli esercizi pubblici(bar, pizzerie, generi alimentari, ortofrutta) non devono utilizzare i contenitori per rifiuti per il deposito dei rifiuti umidi,

facilmente putrescibili, se non contenuti in involucri protettivi che ne evitino le

dispersioni;

6) I titolari di macellerie, pescherie sono obbligati a conferire a Ditte specializzate i rifiuti provenienti da dette attivita’(ossa, scarti di macellazione, rifiuti ittici), per il trattamento e trasformazione, pertanto è fatto assoluto divieto conferire detti rifiuti al servizio pubblico;

7) I titolari degli esercizi commerciali sono obbligati a conferire i cartoni di imballaggio al servizio pubblico di raccolta differenziata, debitamente piegati in dimensioni ridotte, pressati e legati.

8) E’ fatto obbligo conferire presso l’ISOLA ECOLOGICA sita in C.da Specchia, esclusivamente rifiuti di provenienza domestica( cartone,vetro,lattine, legno e metalli in piccoli pezzi, ingombranti, indumenti, oli esausti,pile esauste,medicinali scaduti, contenitori vuoti etichettati t/f, accumulatori esausti, neon e lampade, mobilio, elettrodomestici,computer, materassi, sfalci di potatura;

9) E’ fatto assoluto divieto deporre o lasciar cadere acqua, spazzatura e altro materiale sulle strade e/o in luoghi aperti al pubblico;

10) E’ vietato lasciare il suolo pubblico insudiciato degli escrementi dei cani di proprietà, pertanto, i proprietari di cani sono obbligati munirsi di paletta al fine di rimuovere tali escrementi dal suolo pubblico;

11) E’ vietato dare da mangiare ai cani randagi, determinando l’aggregazione in branchi di cani pericolosi.

Ai trasgressori sarà applicata la sanzione pecuniaria da € 25,00 a € 155,00, prevista per l’abbandono o deposito di rifiuti dall’art. 255, comma 1 del D.Lgs N. 152/2006, nonché la sanzione amministrativa accessoria dell’obbligo per l’autore della violazione stessa del ripristino dei luoghi a proprie spese.

Per tutte le altre violazioni in materia di igiene pubblica, sarà applicata la

sanzione pecuniaria da € 25,00 a € 500,00, come previsto dall’art. 7 bis del D. Lgs N. 267/2000.

La presente ordinanza, di immediata esecuzione, viene notificata al Servizio di Igiene Pubblica ASL TA/1- Mottola , al Comando Polizia Municipale, alla Stazione Carabinieri per gli adempimenti di competenza, viene inoltrata per conoscenza alla Stazione forestale, viene affissa all’Albo Pretorio del Comune di MOTTOLA e tale adempimento vale come notifica a tutti i destinatari della stessa.

MOTTOLA lì 30/06/2010

IL RESPONSABILE

Giovanni GUAGNANO

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ordinanza ambiente regole doveri

permalink | inviato da ecolo il 9/11/2010 alle 19:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Mottola e il senso civico
post pubblicato in diario, il 9 novembre 2010
 
Dunque, il tutto è iniziato così a fine settembre su www.mottola.splinder.com:

 Ho sentito ultimamente in radio che la nonna di un ascoltatore consigliava ai nipotini di mangiare ogni tanto un po’ di terra per sviluppare gli anticorpi.
Ora in un Paese in cui, soltanto per fare alcuni esempi, anche l’immondizia come i politici arriva a destinazione con la scorta, in un Paese in cui nonostante il Referendum e la ricchezza di risorse energetiche alternative si riparla di nucleare, in un Paese in cui si continua a morire nelle missioni di guerra e di più e più ingiustamente ancora sul lavoro, in un Paese in cui la ministro dell’istruzione e quello della difesa hanno firmato un accordo per inserire dei corsi paramilitari nella scuola, in un Paese in cui viene negato il Diritto all’Istruzione e al Lavoro, in un Paese in cui ci si occupa della casa del presidente della camera e non ci si preoccupa delle case che le popolazioni terremotate o alluvionate non hanno più, in un Paese in cui chi non paga le tasse è furbo e non sarà mai veramente punito, in un Paese in cui è giusto cacciare le minoranze etniche comunitarie pur professandosi cristiani, in un Paese in cui, pur avendole prestato giuramento, chi si irride della Carta Costituzionale usando questa e la Bandiera come quella igienica siede in Parlamento, in un Paese con un Parlamento più votato alla corruzione, agli inciuci, all’interesse personale che votato dal Popolo Sovrano, … beh, in questo Paese chissà quanta terra abbiamo mangiato o ci hanno fatto mangiare! Per quanto tempo ancora sopporteremo? Per quanto tempo ancora chi non ha sviluppato, purtroppo per loro, gli anticorpi verranno indicati come “squadristi” o come coloro che fanno politica dove non-si-deve-fare?

            In una trasmissione televisiva, invece, un amministratore francese raccontava che un evasore (percentuale minoritaria in Francia) era stato smascherato soltanto perché aveva parcheggiato male l’auto dimostrando così scarso o inesistente senso civico: “Mi sono detto: se ha parcheggiato così può essere che non pagherà neanche le tasse!”
Spostandoci, dunque, dal Paese al nostro paese qualche dubbio sul nostro senso civico e più di qualche certezza sulle conseguenze che questo ha sul benessere della comunità mi viene, ma non soltanto per i parcheggi:
  1. Non ho mai visto un/a proprietario/a di cane portare a spasso il proprio amico peloso con paletta e sacchetto e sui marciapiedi è tutto un percorso a fetidi e rivoltanti ostacoli;
  2. Continuo a vedere i segnali stradali soffocati dai gioiosi posterini di annunci matrimoniali;
  3. Il mio cuore è letteralmente trafitto perché avvisto troppo spesso infanti, o poco più, seduti nei posti anteriori delle auto e addirittura in braccio al/lla deficiente che guida magari pure con la sigaretta in mano;
  4. Sul ciglio della strada allibita vedo ancora i cassonetti invasi da rifiuti speciali o indifferenziati. 
Se a me qualche soluzione sul come risolvere questi problemi è venuta come mai a chi è di competenza, e che oltre tutto è anche pagato per farlo, no? Forse non sono problemi? Per me sì: non soltanto non ho mai mangiato terra ma la rispetto con i suoi abitanti!

                                                                                                            Virginia Mariani
P.S. Ogni maiuscola o minuscola è puramente intenzionale.
Sitografia
www.liberacittadinanza.it  
www.presadiretta.rai.it



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diritti regole senso civico doveri

permalink | inviato da ecolo il 9/11/2010 alle 18:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia        dicembre